divinglife


Vai ai contenuti

Sha'b Rumi - Punta Nord

Le nostre attivita > Le Immersioni > Sudan

Sha'b Rumi - Punta Sud


D:\System\Profiles\Roberto.Brambilla\My Documents\DIVINGLIFE\GIF\immersioni\SharmElSheik\shark-yolanda_mod.png
Error File Open Error
"Shark & Yolanda Reef" è l'immesrsione più conosciuta di Sharm El Sheikh ed è considerata una tra le dieci più belle al mondo. Situata all'estremo sud della penisola del SINAI dove le acque del Mar Rosso si dividono per creare il golfo di Aqaba e quello di Suez; è spesso investita da forti correnti che la rendono adatta a sub esperti. Ricca di pesce, sia pelagico che di barriera, si mostra nel suo massimo spendore nei mesi estivi, in particolar modo nel mese di Luglio, quando banchi di barracuda, pecsi pipistrello e carangidi si aprono al passaggio dei sub. L'immersione si svolge intorno a tre pinnacoli madreporici: Anemone City, Shark Reef e Yolanda Reef. Solitamente si inizia l'immersione su Anemone City e, dopo una breve esplorazione, ci si spinge nel blu (rotta 150°) per attraversare il breve tratto di mare che porta a Shark Reef. Durante la traversata, che si svolge ad una quota tra i 20 ed i 30 metri, si possono incontrare banchi di barracuda che si aprono al nostro passaggio e per i più fortunati talvolta è possibile avvistare squali grigi di barriera. Le inconfondibili sagome delle gorgonie ci segnalano che la pinneggiata nel blu è finita: ci troviamo davanti all'imponente torrione madreporico che si inabissa per circa 700 metri sotto di noi. Tenedo la parete alla nostra destra ci dirigiamo verso la sella sabbiosa che divide Shark Reef da Yolanda Reef. Da qui, guardando nel blu, potremo vedere banchi di pesci pipistrello e carangidi muoversi all'unisiono in una danza circolare. Seguiamo il profilo della barriera fino a raggiungere ciò che resta della Yolanda, una nave mercantile affondata nell'Aprile del 1980. Potremo scorgere container, sanitari, vasche da bagno ed una BMW appartenuta al capitano. Qui si può incontrare un pesce Napoleone, ormai considerato stanziale.



Torna ai contenuti | Torna al menu